Alcune considerazoni sull’interpretazione “autentica” della normativa da parte della Corte di Giustizia Europea, in seguito a una disputa tra il fornitore di servizi di telecomunicazione Orange România SA e l’Autorità nazionale di sorveglianza del trattamento dei dati personali romena, relativamente ai requisiti del consenso degli interessati ai sensi del GDPR.

Articolo intero su agendadigitale.eu

%d